giovedì 8 ottobre 2009

Rievocazione storica al NovaAria


Si respirerà aria di antichi celti al festival NovaAria di Novara.
Nel centro della manifestazione verrà ricostruito un piccolo ma vivo angolo di passato. Verremo proiettati indietro nel tempo per vivere esperienze di vita dei nostri antenati Celti.
Al villaggio celtico Sabato e Domenica 17 e 18 Ottobre il pubblico potrà partecipare liberamente ad una serie ricchissima di esperienze come:

SABATO 17
Tessitura con telaio arcaico
Lavorazione argilla con tornio lento
Conio Dramma Padana
Tessitura con telaio a tavolette
Allenamento scudo e spada

DOMENICA 18
come costruire una fibula
Tessitura con telaio arcaico
Filatura della lana con fusaiola e tessitura con telaio a tavolette
Costruzione cotta di maglia e coniatura della Dramma Padana
Allenamento scudo e spada
Tutto questo sarà reso possibile grazie al lavoro e alla passione di una serie di associazioni culturali, quelle dei "Tuata Vertamocori ", dei Tuatha Brig e dei Kenomanes Ambati.


Il gruppo dei Vertamocori, nasce ufficialmente nel 2005 da un gruppo di amici appassionati di storia, con l’intento di far conoscere e promuovere il passato del nostro territorio .
Partecipa attivamente a manifestazioni in molte regioni d’Italia con puntate in paesi europei come Austria e Svizzera.

La loro opera di divulgazione face riferimento ad un periodo storico ben preciso, che va dal V al I s.a. Propongono la ricostruzione storica degli usi e dei costumi dellle antiche popolazioni presenti sul territorio. In particolare dei Vertamocori un popolo proveniente dalla Francia che passando dalla Svizzera si insediò sulle sponde del lago Maggiore e del Ticino fino alla città di Pavia.
La loro animazione storica consiste nella realizzazione di spaccati di vita dell’epoca con la ricostruzione all’interno di campi storici di attività che si potevano riscontrate in tale periodo.
Si potranno vedere le donne intente alla cardatura, filatura e tessitura con riproduzioni di antichi telai o attrezzature, l’artigiano costruire manufatti come la cotta di maglia o coniare la dramma padana, il fabbro dare vita a coltelli e spade e, non ultimo, i giovani guerrieri allenarsi nei combattimenti.
Le nostre fonti ai cui il grupo fa riferimento sono i non pochi musei che si trovano sul territorio novarese, la letteratura classica greca o latina e non ultima per importanza l’archeologia sperimentale con la quale cerchiamo di confrontarci continuamente .

Partecipate numerosi alle iniziative.

Etichette:

0 Commenti:

Posta un commento

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page